Piano nazionale per prevenire e combattere il bullismo e il cyberbullismo. Il Miur stanzia 2 mln

miur

Un Piano Nazionale per prevenire e combattere il bullismo e il cyberbullismo in classe; 10 azioni e 2 milioni di euro. E’ questo il programma che il Miur mette in campo per l’anno scolastico 2016/2017 per tutte le scuole di ogni ordine e grado d’Italia.

Il principio essenziale del piano è quello di intervenire attraverso il coinvolgimento degli studenti e dei docenti e fare rete con le associazioni, del territorio e non.

Ecco le 10 azioni previste dal Piano Nazionale per prevenire e combattere il bullismo e il cyberbullismo in classe

Azione 1 #UnNodoBlu contro il Bullismo: Giornata Nazionale contro il Bullismo a Scuola

Il 7 febbraio 2017, in coincidenza con il Safer Internet Day, la Giornata Europea della Sicurezza in Rete, indetta dalla Commissione Europea, si terrà prima Giornata Nazionale contro il Bullismo a Scuola.

In cosa consiste?

  1. Le scuole sono chiamate a dire NO al bullismo e al cyberbullismo attraverso una serie di iniziative, rivolte non solo agli studenti ma anche al territorio;
  2. Saranno presentate dal Ministero le migliori proposte didattiche elaborate dagli istituti contro il fenomeno;
  3. Le scuole saranno anche chiamate a contribuire alla realizzazione del primo spot contro il bullismo e il cyberbullismo, che dovrà essere progettato e realizzato interamente dagli studenti. Sarà una commissione di esperti a selezionare la migliore proposta. Lo spot fa parte della Campagna Nazionale denominata “Il Nodo Blu contro il Bullismo” e quello vincitore sarà messo in onda sulle principali reti televisive;
  4. Tutti gli studenti e le scuole che aderiranno alla campagna denominata “Il Nodo Blu contro il Bullismo”, a prescindere dalla realizzazione dello spot, saranno chiamati ad indossare, appendere o mostrare il simbolo della lotta nazionale delle scuole italiane contro il Bullismo.

Azione 2 Generazioni Connesse: Safer Internet Centre – Italy

Continua l’impegno di Generazioni Connesse e adesso l’obiettivo è quello dotare tutte le istituzioni scolastiche di un documento di e-policy per l’uso responsabile della rete e per l’individuazione e la gestione di casi di cyberbullismo.

Azione 3 Formazione Docenti

La prevenzione dei fenomeni di bullismo e cyberbullismo sarà una delle linee prioritarie delle attività previste nell’ambito del Piano Nazionale di Formazione dei docenti. A partire dal 2017 saranno attivate una serie di azioni di formazioni mirate l’acquisizione di competenze psico-pedagogiche e sociali per la prevenzione del disagio giovanile nelle diverse forme e l’attivazione di percorsi di formazione di tipo specialistico legati al fenomeno del bullismo e cyberbullismo. Saranno coinvolti circa 16.000 docenti.

Azione 4 Il Miur e la Polizia di Stato

Tra le attività previste per la nuova edizione di “Generazioni Connesse” 2016 – 2018 saranno realizzate nuove tappe teatrali dello spettacolo “Condividi?”, della compagnia teatrale “Teatro in Movimento”.  Al termine delle rappresentazioni, gli esperti della Polizia Postale tratteranno, insieme a genitori, insegnanti ed alunni, le problematiche legate alla sicurezza in rete. Nel biennio 2014-2016 di grande importanza è stata la campagna itinerante “Vita da Social”.

Azione 5 Il Miur e il Telefono Azzurro

Dal 2015 Telefono Azzurro, in accordo con il Miur, ha creato il numero 1.96.96, la linea nazionale per il contrasto al fenomeno del bullismo. La linea 1.96.96 offre due canali di consulenza: uno dedicato ai bambini e ragazzi fino ai 18 anni ed uno rivolto agli adulti e alle famiglie. Il centro di ascolto funziona sul territorio nazionale h 24, 7 giorni su 7. E’ inoltre attivo il servizio Chat di Telefono Azzurro.

Azione 6 Un Format Televisivo contro il bullismo

Grazie alla collaborazione tra la Rai e il Miur, è in fase di realizzazione un programma televisivo dal titolo “Mai più Bullismo”. Si tratta di un prodotto innovativo, il primo social coach televisivo incentrato sul bullismo.

Azione 7 VERSO UNA SCUOLA AMICA “BULLOFF”

Il Progetto “Verso una scuola amica”, elaborato tra Miur e Unicef, è finalizzato ad attivare e sensibilizzare i ragazzi all’articolo 29, diritto all’educazione, della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La proposta educativa è in linea con le indicazioni emanate dal Miur in tema di “Cittadinanza e Costituzione” e con le “Linee di orientamento per azioni di prevenzione e contrasto al bullismo e cyberbullismo” emanate dal Miur il 15 aprile 2015.

Art . 29

1 Gli Stati parti convengono che l’educazione del fanciullo deve avere come finalità: a) favorire lo sviluppo della personalità del fanciullo nonché lo sviluppo delle sue facoltà e delle sue attitudini mentali e fisiche, in tutta la loro potenzialità; b) sviluppare nel fanciullo il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e dei principi consacrati nella Carta delle Nazioni Unite; c) sviluppare nel fanciullo il rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del paese nel quale vive, del paese di cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua; d) preparare il fanciullo ad assumere le responsabilità della vita in una società libera, in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di origine autoctona; e) sviluppare nel fanciullo il rispetto dell’ambiente naturale.

2 Nessuna disposizione del presente articolo o dell’art.28 sarà interpretata in maniera da nuocere alla libertà delle persone fisiche o morali di creare e di dirigere istituzioni didattiche, a condizione che i principi enunciati al paragrafo 1 del presente articolo siano rispettati e che l’educazione impartita in tali istituzioni sia conforme alle norme minime prescritte dallo Stato.

Azione 8 Il Tour: Un Bacio Experience

Fino al 31 gennaio 2017, attraverso diverse matinée organizzate nei cinema di tutta Italia, 30.000 studenti potranno vedere Un bacio. Al termine della proiezione seguirà un incontro moderato da un esperto.

Azione 9 NO HATE SPEECH

Il concorso sarà bandito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla Delegazione italiana presso l’Assemblea del Consiglio d’Europa, su iniziativa dell’Alleanza parlamentare contro l’intolleranza e il razzismo del Consiglio d’Europa. L’Obiettivo è riflettere sui rischi e pericoli dell’odio on line e dell’incitamento da parte dei giovani, nei confronti dei loro compagni e coetanei.

Azione 10 I Protocolli d’Intesa

Il Miur ha già sottoscritto numerosi Protocolli d’Intesa volti a promuovere attività congiunte per l’uso responsabile della rete e la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo.

Oltre al Piano nazionale per prevenire e combattere il bullismo e il cyberbullismo in classe il Miur ha sottoscritto un protocollo con la Camera che mira alla diffusione dei contenuti della Dichiarazione dei diritti e doveri in internet, elaborata dall’omonima Commissione di studio istituita dalla Presidente della Camera, Laura Boldrini. Il Miur e la Commissione promuoveranno incontri di formazione e sensibilizzazione con gli studenti delle scuole secondarie per la conoscenza dei diritti e dei doveri in internet di cui ogni cittadino è titolare, con l’obiettivo di avviare un processo di educazione digitale.

♥ Metti mi piace nella pagina Facebook d’intreccio.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *