PNSD, Il Miur lancia il concorso per tutte le scuole. In palio 31mila euro

piano nazionale scuola digitale

Premi in denaro per le scuole statali di tutt’Italia che parteciperanno al concorso #ilmioPNSD, indetto dal Ministero dell’Istruzione. La gara è inserita nella “Settimana del Piano Nazionale per la Scuola Digitale” che si svolge dal 7 al 15 dicembre 2015 e il fine è quello di sensibilizzare e informare le comunità scolastiche sul Piano Nazionale Scuola Digitale, PNSD.

Come partecipare al concorso #ilmioPNSD?  

cyberbullismo

immagine: codeweek.it

 

Tutte le singole istituzioni scolastiche ed educative statali di ogni ordine e grado che vorranno partecipare al concorso #ilmioPNSD devono necessariamente aderire alla “Settimana del Piano Nazionale per la Scuola Digitale”, entro le ore 23.59 del 7 dicembre 2015, e dovranno compilare il modulo on line con i propri dati. Tutte le scuole il 1°dicembre 2015 hanno ricevuto nella propria cassella di posta istituzionale una e-mail contenente il link per l’accesso all’apposita pagina con la domanda pre-compilata da inviare al Miur.

 

 

Cos’è la “Settimana del Piano Nazionale per la Scuola Digitale”?

Le scuole, dal 7 al 15 dicembre, sono inviate per uno o più giorni ad aprire le porte al territorio durante le attività scolastiche o extra scolastiche. Lo scopo è quello di coinvolgere sia il mondo della scuola, attraverso un confronto tra: dirigenti, docenti, alunni, personale ata di altre scuole, che le famiglie, i cittadini e altri attori della comunità.  Attraverso l’apertura di aule e laboratori la scuola deve valorizzare le buone pratiche e appassionare i partecipanti al processo di innovazione che parte dalla sensibilizzazione, dalla partecipazione e dalla creatività. “Ogni scuola- si legge nel sito codeweek– è libera di raccogliere questo invito nel modo che ritiene più opportuno, organizzando eventi di coding, aprendo i propri laboratori e le proprie aule al di fuori degli orari scolastici, o addirittura organizzando flash mob che comunichino e manifestino il senso dell’innovazione all’interno o all’esterno della scuola”.

Clicca qui per leggere le istruzioni del Ministero su come organizzare la “Settimana del Piano Nazionale per la Scuola Digitale”.

In cosa consiste il concorso #ilmioPNSD?

Gli studenti delle scuole che aderiscono, dal 7 al 15 dicembre, alla “Settimana del Piano Nazionale per la Scuola Digitale” dovranno produrre un videoclip rappresentativo dell’evento o delle attività realizzate durante i 7 giorni della manifestazione e caricarlo nella pagina online, entro le ore 23.59 del 18 dicembre 2015 sulla medesima pagina online in cui si sono iscritti al concorso.

Come deve essere realizzato il videoclip?

I videoclip ammessi alla presente procedura devono avere le seguenti caratteristiche:

  • trattarsi di un videoclip prodotto in uno dei formati a scelta tra i seguenti: .mp4, .avi, .mpeg, .m4v, .divx, .xvid;
  • consistere in una dimostrazione di ciò che è stato organizzato nell’ambito della “Settimana del PNSD”, raccontato eventualmente anche dal punto di vista degli studenti attraverso una loro reinterpretazione e rielaborazione dei contenuti e delle azioni del Piano nazionale per la scuola digitale;
  • essere realizzato anche mediante la collaborazione di più studenti della stessa classe ovvero di più classi della medesima istituzione scolastica;
  • avere durata minima di 30 secondi e una durata massima di 180 secondi, titoli compresi;
  • può caratterizzarsi anche per essere stato realizzato con una soluzione tecnica particolarmente innovativa;
  • gli elementi grafici del documento del PNSD possono essere utilizzati come personaggi e/o sfondo del videoclip, come immagini 2D o 3D, trasformati in oggetti “fisici” eventualmente anche con inserti elettronici o digitali oppure utilizzati come protagonisti dei giochi realizzati mediante i software utilizzati per il coding. Possono, altresì, essere aggiunti anche eventuali sfondi, audio, testi, musica a condizione che non siano protetti da alcuna forma di copyright.

Le istituzioni scolastiche devono, alla data di presentazione del videoclip, essere in possesso dei seguenti requisiti, a pena di esclusione dalla procedura:

  • dichiarazione del dirigente scolastico con cui si attesta che sono state acquisite tutte le liberatorie necessarie in caso di utilizzo di immagini o voci di persone fisiche. Nel caso si tratti di minori, le liberatorie devono essere necessariamente firmate dai genitori;
  • liberatoria alla pubblicazione del videoclip debitamente sottoscritta per consentire l’eventuale pubblicazione nella Gallery presente sul sito internet del MIUR dedicato al PNSD.

miur

A giudicare i lavori sarà una commissione attribuendo un punteggio massimo pari a 100/100 punti sulla base dei seguenti criteri:

  • coerenza con i contenuti del PNSD (Strumenti, Formazione e Contenuti): max 30 punti;
  • originalità delle iniziative realizzate durante la Settimana del PNSD: max 30 punti;
  • originalità del videoclip presentato: max 20 punti;
  • innovatività della soluzione tecnica: max 20 punti.

In palio sono stati messi 31mila euro e a vincere il concorso saranno le prime 5 scuole che avranno ottenuto il punteggio più alto. Alle istituzioni scolastiche collocate nei primi cinque posti della graduatoria saranno corrisposti cinque premi in denaro da utilizzare esclusivamente per l’acquisto di hardware e strumenti informatici. I premi sono così suddivisi:

  • 7.170,00 euro per l’istituzione scolastica prima classificata;
  • 6.000,00 euro per ciascuna delle istituzioni scolastica classificata dal 2° al 5° posto.

Il responsabile del procedimento è il professore Daniele Barca, dirigente dell’Ufficio VI – Innovazione digitale della Direzione generale per interventi in materia di edilizia scolastica, per la gestione dei fondi strutturali per l’istruzione e per l’innovazione digitale

Contatti: innovazionedigitale@istruzione.it – telefono: 06-5849.2778-2632.

La Settimana del PNSD avverrà in concomitanza con la Settimana internazionale dell’Ora del Codice, che consiste in una lezione di introduzione all’informatica della durata di un’ora. “L’Ora del Codice, in inglese The Hour of Code, è un movimento globale nato negli Stati Uniti nel 2013 per far sì che ogni studente, in ogni scuola del mondo, svolga almeno un’ora di programmazione. L’obiettivo è quello di diffondere conoscenze scientifiche di base per la comprensione di processi e per sviluppare il pensiero computazionale, le competenze logiche e la capacità di risolvere problemi in modo creativo ed efficiente, qualità che sono importanti per tutti i futuri cittadini. L’Ora di Codice coinvolge attualmente decine di milioni di studenti in più di 180 paesi”. Nel sito https://hourofcode.com/it è possibile scaricare alcuni giochi per imparare anche da piccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *