Smartphone e conseguenze sui bambini: annullato il sistema cronemico

smartphone

Si annoiano facilmente e vogliono tutto e subito. “I bambini hanno problemi a rispettare i tempi di attesa” e complice una vita frenetica, la messaggistica istantanea e i social sempre più interattivi, il sistema cronemico si sta annullando del tutto.

Il disagio si manifesta già nella seconda infanzia, dai 2 ai 6 anni, e sono in aumento i bambini che presentano difficoltà d’ascolto, d’attesa e di organizzazione del tempo di discussione. In poche parole sta venendo meno uno degli aspetti fondamentali della comunicazione: il sistema cronemico.

“Le difficoltà devono essere comprese subito e devono essere affrontare – spiega la dottoressa Gabriella Scaccianoce, dell’equipe di logopediste dell’ospedale Buccheri La Ferla di Palermo-.I genitori devono essere sentinelle attente e soprattutto hanno il compito di prevenire il problema, che con l’avanzare dell’età può creare scompensi comportamentali e disturbi della personalità”.

Smartphone e bambini. Cos’è il sistema cronemico?

“Il sistema cronemico – afferma la dottoressa- appartiene al tipo di comunicazione non verbale. Spesso siamo portati a considerare questo tipo di comunicazione meno importante rispetto a quella verbale e invece è assolutamente complementare.  Nello specifico si tratta del modo di concepire ed organizzare il tempo soggettivo della discussione, saper aspettare il turno in un dialogo, rispettare le pause e il ritmo”.

La comunicazione non verbale comprende 5 sistemi:

vocale (l’intonazione della voce)

cinesico (i movimenti)

aptico (il contatto fisico)

prossemico (la distanza)

cronemico (il tempo della comunicazione)

“Dare in mano uno smartphone o qualsiasi dispositivo ad un bambino significa, tra le altre cose, non educarlo ai tempi di attesa. Lo smartphone e in particolare le app di messaggistica istantanea così come le piattaforme che permettono di saltare ad esempio le pubblicità o una serie di passaggi, come la ricerca di un cartone animato, riducono la capacità cronemica”.

Ad essere chiamati in causa sono soprattutto i genitori. “Il ruolo genitoriale è fondamentale – sostiene la dottoressa Scaccianoce- devono essere loro ad educare i propri figli, anche all’utilizzo di questi strumenti”.

Ma cosa possiamo fare? “Uno dei sistemi efficaci – conclude la dottoressa- è abituare i bambini ai giochi di ruoli, con scambi di turni ben precisi e regole da rispettare”.

METTI MI PIACE NELLA PAGINA FB D’INTRECCIO.EU

1 commento su “Smartphone e conseguenze sui bambini: annullato il sistema cronemico”

  1. Maria Concetta Correnti

    Una bellissima intervista.Devo esprimere le mie congratulazioni alla dottoressa Scaccianoce che si è espressa in modo chiaro ed esauriente dimostrando competenza riguardo all’argomento trattato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *