Dipendenza da Internet e rapporto figli – genitori. Cosa fare? Intervista a Federico Tonioni [video]

internet

internet

Dipendenza da Internet e distacco generazionale sempre più avanzato. Quanto la Rete ha modificato i rapporti tra gli adulti e gli adolescenti? E qual è, in questo momento di totale scollatura, il punto d’incontro tra genitori e figli?

Oggi più che mai si continuano ad additare gli aspetti negativi che la generazione Z ha assorbito da Internet: dipendenza, violenza, intorpidimento da web. E tra i mali, il peggiore ribadito a gran voce, è la rottura del patto generazionale, tra genitori e figli.

Se da un lato, infatti, la tecnologia sortisce un fascino particolare sugli adulti dall’altro è pur sempre un adattamento alle novità con tempi, anche di apprendimento, che spesso non consentono di stare al passo con la stessa tecnologia, con la comunicazione e dunque con il linguaggio, non solo verbale, utilizzato dagli adolescenti e dai preadolescenti. Adattamento che invece non appartiene ai giovani, in quanto fruitori sin dalla nascita di Internet e dei dispositivi.

A fare chiarezza sulla dipendenza da Internet e sullo strappo generazionale è Federico Tonioni, psichiatra e psicoterapeuta, ricercatore dell’Istituto di Psichiatria e Psicologia nella Facoltà di Medicina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

“La dipendenza da Internet è in aumento – afferma Tonioni- perché è una psicopatologia emergente e perché la tecnologia fa sempre più parte della nostra vita. Internet è un’integrazione tra il mondo reale e quello virtuale”.

Il dottor Tonioni  ha fondato e dirige dal 2009 il primo Ambulatorio in Italia sulla Dipendenza da Internet, divenuto nel 2016 Centro Pediatrico Interdipartimentale per la Psicopatologia da Web, presso la Fondazione Policlinico Gemelli di Roma.

E a proposito degli adulti il professor Tonioni dichiara: “Dobbiamo mettere in discussione i nostri punti di riferimento, cioè le parti in cui abbiamo ritenuto possibile identificarci con i nostri genitori”.

GUARDA IL VIDEO

“La distanza più sana con gli adolescenti non può che essere la fiducia, mai il controllo. Guai a non fidarsi di questa generazione”

COME PUO’ UN GENITORE RECUPERARE IL DIALOGO CON IL PROPRIO FIGLIO?

GUARDA IL VIDEO

CLICCA MI PIACE NELLA PAGINA FACEBOOK D’INTRECCIO.EU 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *