L’orrore nascosto dietro i giochi online. Laura dice:”basta”e racconta la sua storia

giochi online

Promettono soldi e se si è davvero fortunati si riesce a cavare anche qualche amicizia e un amore. I giochi online sono trappole a portata di minorenni e maggiorenni che incantano come le sirene di Ulisse. E dal pc alla Polizia il passo può essere breve. Questa è la storia di Laura.

Continua a leggere

Gioco Balena Blu, è nata la chat per le vittime. In pochi giorni 250 segnalazioni

gioco balena blu Gioco Balena Blu, psicosi o realtà? Sui social non si parla d’altro. La Polizia Postale, a seguito delle numerose segnalazioni, ha stilato un decalogo per genitori e ragazzi contro il gioco Blue Whale.  A disposizione delle vittime inoltre c’è una chat WhatsApp, dove poter comunicare. Continua a leggere

Social e bambini: “Una volta condiviso una foto, hai perso il controllo sul suo destino“

social network

Bambini. social si, social no? E’ questo il dilemma dei genitori, ultimamente trattato anche dall’Eu. E mentre molti adulti riflettono se è corretto che i bambini, perlopiù preadolescenti, abbiano un account su un social network, altri invece postano foto dei propri figli o degli altri o dei nipoti.

Continua a leggere

Cyberbullismo, la Polizia Postale detta 10 regole per la Rete

cyberbullismo cosa fare

foto checkblacklist.it

Falsi profili social, furto d’identità, violazione della privacy e cyberbullismo sono questi alcuni pericoli della Rete. E proprio sulla base di cattive esperienze e segnalazioni dei cittadini l’agente Lisa della Polizia Postale detta 10 semplici regole che se rispettate rendono sicura la navigazione, soprattutto sui social network. Continua a leggere

Facebook, da oggi i fake sono punibili: fino a un anno di reclusione

 

cyberbullismo

“Chi crea fake (falsi profili) su Facebook ora è punibile sia civilmente che penalmente”. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione che in una recente sentenza ha portato alla condanna di una donna che aveva creato su Facebook un falso profilo con un nome di fantasia e, tramite questo account, aveva molestato un’altra persona.

Continua a leggere