Bullismo: “Vivo per caso”, una canzone per denunciare

cyebrbullismo

E’ successo tutto all’improvviso: il buio della notte, una macchina con i finestrini aperti che si accosta e un ragazzo che dice: “accussì a finisci ri fari u sbirru” (così la smetti di fare il carabiniere). E poi le botte in testa, all’addome e in tutto il corpo, fino a non capirne più niente. Fino a svegliarsi in ospedale, con la mandibola gonfia, il collo bloccato e lividi e contusioni ovunque.

Continua a leggere