Pon, scuole chiamate a partecipare al bando. L’ importo non dovrà superare 100mila euro

Pon 2014-2020 lanciato il bando per la creazione di laboratori didattici innovativi. L’avviso scade il 26 febbraio e possono partecipare gli istituti superiori, ma non tutti. Attenzione alle istruzioni dettate dal Miur, vietato commettere errori.

Chi può partecipare?

Le scuole del secondo ciclo di istruzione per quanto riguarda la Tipologia A cioè i laboratori per lo sviluppo delle competenze di base (lingue, matematica, scienze, ecc.)

I licei artistici e gli istituti tecnici e professionali per la Tipologia B che riguarda i laboratori professionalizzanti

Per partecipare bisogna entrare nella piattaforma denominata “Gestione degli Interventi” (GPU), collegandosi all’indirizzo internet http://www.istruzione.it/pon/. L’area del sistema Informativo predisposta alla presentazione dei progetti resterà attiva dalle 8.00 del l’ 8 gennaio 2018 alle ore 15.00 del 26 febbraio 2018.

Il presente Avviso Pon “vuole offrire – si legge nel bando- alle Istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado la possibilità di realizzare laboratori professionalizzanti dotati di strumentazioni digitali e innovative, che favoriscano e potenzino l’apprendimento delle competenze chiave richieste dal mercato del lavoro, con particolare attenzione all’economia digitale, alle fabbriche intelligenti, alla prototipazione rapida e all’Internet of Things”.

Attenzione –  Gli istituti potranno candidarsi secondo due tipologie d’intervento, inserite nel Pon:

  • Tipologia A, relativi alla realizzazione/riqualificazione e aggiornamento, in chiave digitale, di laboratori per lo sviluppo delle competenze di base nelle scuole del secondo ciclo di istruzione (lingue, matematica, scienze, ecc.) dotati di strumentazioni all’avanguardia e che favoriscano e potenzino l’apprendimento delle competenze chiave richieste dal mercato del lavoro
  • Tipologia B, relativi alla realizzazione/riqualificazione e aggiornamento, in chiave digitale, di laboratori professionalizzanti, per gli istituti tecnici e professionali e per licei artistici, per l’acquisizione di strumentazioni all’avanguardia che possano favorire e potenziare l’apprendimento delle competenze professionali richieste dal mercato del lavoro

E’ necessario ad ogni modo predisporre la proposta, all’interno della piattaforma Gestione degli Interventi (GPU),  secondo le istruzioni dettate dal bando.

Sono ammesse a partecipare al presente Pon le istituzioni scolastiche statali del secondo ciclo di istruzione (scuole secondarie di secondo grado) delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto,

ATTENZIONE PER LE SEGUENTI REGIONI:

Abruzzo – potranno presentare progetti di Tipologia B le istituzioni scolastiche statali del secondo ciclo di istruzione (scuole secondarie di secondo grado), con eccezione degli Istituti Professionali per i quali sono già state dedicate delle risorse ad hoc rese disponibili dalla Regione Abruzzo per il finanziamento del meccanismo premiale previsto dagli Obiettivi di Servizio del Fondo di sviluppo e coesione;

Basilicata – la Regione potrà utilizzare la graduatoria per coprire il fabbisogno residuo relativamente ai soli Istituti tecnici e professionali, finanziando con proprie risorse FSC-Obiettivi di servizio i progetti non finanziati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;

Molise – la Regione potrà utilizzare la graduatoria per coprire il fabbisogno residuo, finanziando con proprie risorse FSC-Obiettivi di servizio (realizzazione di ambienti multimediali e laboratori di settore) i progetti non finanziati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

PER QUANTO RIGUARDA

Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria, Veneto e alla Provincia autonoma di Trento, ciascuna istituzione scolastica secondaria di secondo grado, compresi gli Istituti omnicomprensivi, può presentare una sola candidatura consistente di uno o due progetti, uno relativo a interventi di Tipologia A (Sotto-azione 10.8.1.B1) e uno relativo ad interventi di Tipologia B (Sotto-azione 20.8.2.B2).

CLICCA MI PIACE NELLA PAGINA FACEBOOK D’INTRECCIO.EU 

MENTRE

Abruzzo, Basilicata, Molise e Sardegna, ciascuna istituzione scolastica secondaria di secondo grado, compresi gli Istituti omnicomprensivi, può presentare due candidature: ciascuna consistente di uno o due progetti, uno relativo ad interventi di Tipologia A ed uno relativo ad interventi di Tipologia B

I progetti presentanti devono avere le seguenti caratteristiche:

  • attrezzature a ridotto consumo energetico
  • apparecchiature caratterizzate da basse emissioni sonore
  • apparecchiature caratterizzate da batterie durevoli e con ridotte percentuali di sostanze pericolose
  •  apparecchiature le cui componenti in plastica siano conformi alla Direttiva 67/548/CEE
  • attrezzature a ridotto contenuto di mercurio nei monitor LCD. In sede di controllo sarà accertato il rispetto di detti criteri

I progetti Pon presentati concorreranno a formare graduatorie regionali distinte per ciascuna delle due Sotto-Azioni (Progetti di Tipologia A e Progetti di Tipologia B) e saranno ordinate in maniera decrescente e con una validità di due anni.

FINANZIAMENTI

Ciascuna Istituzione scolastica potrà presentare due progetti, uno per ciascuna Sotto-Azione il cui importo massimo complessivo non dovrà superare i € 100.000,00, così suddiviso:

  • un massimo di € 25.000,00, per progetti di realizzazione di laboratori per le competenze di base per le studentesse e per gli studenti (Tipologia A) dei licei o del primo biennio degli Istituti tecnici e professionali;
  • un massimo di € 75.000,00 nel caso di Istituti tecnici e professionali e di licei artistici, che propongano un progetto per la realizzazione di laboratori professionalizzanti (Tipologia B) per uno degli indirizzi del triennio, aumentabile a € 100.000,00 nel caso in cui l’Istituto principale non presenti alcun progetto di Tipologia A (realizzazione di laboratori per le competenze di base per gli studenti del primo biennio degli Istituti tecnici e professionali e dei licei artistici).

I massimali sono da considerarsi I.V.A. inclusa

Una volta caricato il progetto bisognerà apporre la firma digitale. L’area del sistema Informativo Fondi (SIF) 2020 predisposta per la trasmissione dei piani firmati digitalmente resterà dalle ore 8.00 del  giorno 27 febbraio 2018 alle ore 15.00 del giorno 5 marzo 2018.

Tutte le istruzioni operative per il caricamento a sistema della proposta progettuale e per la trasmissione della candidatura firmata digitalmente sono anche contenute in appositi tutorial pubblicati al link di seguito riportato: http://www.istruzione.it/pon/.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI LEGGETE IL BANDO QUI 

Condividi anche su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *