Cyberbullismo, sextortion e sexting: ecco le “sfide” della Rete

sexting sextortion

Cyberbullismo, dipendenza da Internet e sextortion (ricatto sessuale); ecco le tendenze più diffuse in Rete, denunciate dagli adolescenti alle Helpline.

I dati, pubblicati nel sito saferinternet.org, sono stati raccolti dalle Helpline, sparse in tutt’Europa, che forniscono un servizio di assistenza a bambini e adolescenti, oltre che a genitori e tutori, insegnanti e operatori sociali. Le linee telefoniche sono divise in 19 diverse categorie che vanno: dai rischi commerciali e minacce, al cyberbullismo ed e-crime di reputazione on-line, dal sexting all’uso eccessivo della tecnologia.

Le Helpline trasmettano ogni tre mesi i risultati delle chiamate ricevute e gli ultimi dati diffusi si riferiscono al periodo aprile-giugno 2015, con un totale di 10.540 telefonate. A contattare le Helpline con maggiore frequenza sono le femmine, anche se la percentuale dei maschi è in aumento di 12 punti percentuali, rispetto al precedente trimestre.

Ancora una volta il cyberbullismo è al primo posto tra i problemi degli adolescenti, anche se i numeri indicano un calo del 5 per cento di chiamate.

sextortion

Un leggero aumento si registra invece nel numero di chiamate che segnalano un “uso eccessivo” della Rete. Quest’ultimo dato è in linea con le recenti ricerche che mostrano come molti genitori siano preoccupati per i comportamenti di dipendenza on-line dei propri figli, causata anche dall’infinità dei dispositivi mobili e dei tablet diffusi soprattutto tra i giovani.

Durante il periodo di riferimento, diverse linee telefoniche hanno evidenziato un notevole incremento di chiamate “denuncia” nei confronti del fenomeno del sextortion. Con questo termine s’intende una forma di ricatto sessuale in cui le informazioni della vittima o le immagini sono utilizzate per estorcere favori di tipo sessuale. Social media e messaggi di testo sono spesso la fonte di diffusione e condivisione di questo genere di materiale. Un esempio di sextortion è quando qualcuno convince i suoi contatti a spogliarsi davanti una telecamera, su Skype, e poi chiede loro un riscatto economico per non diffondere il video sul web, tramite la “tecnica” del sexting. Le vittime sono spesso costrette a dare soldi oppure eseguire atti sessuali con l’estorsore o sono costretti a fare pornografia dura.

Nonostante il sostegno offerto della Helpline alle vittime che stanno lottando con questo tipo di problema, le forze dell’ordine affermano che spesso le truffe sono organizzate da bande criminali sparse in diverse parti del mondo, e quindi può essere molto difficile ottenere una soluzione legale.

Tra le denunce alle Helpline c’è infine il problema della privacy, che si divide in due categorie distinte: abuso della privacy e come proteggere la privacy. Guardando ai periodi precedenti, la categoria “come proteggere la privacy” ha visto un numero abbastanza consistente di chiamate, mentre l’”abuso della privacy” ha visto un aumento costante (dal 5 per cento al 10 per cento). Ad ogni modo, la privacy rappresenta il secondo problema più comune.

Stabile invece la categoria “amore, relazioni e sesso” che conta quasi il 12 per cento delle chiamate, una cifra che è rimasta costante nel corso degli ultimi anni. Si tratta di tematiche notoriamente difficili da gestire per gli adolescenti e le Helpline offrono un servizio prezioso. Secondo i dati diffusi spesso i giovani preferiscono affrontare i casi più difficili e delicati attraverso la chat o un email piuttosto che con una conversazione telefonica.

Le linee telefoniche forniscono un servizio prezioso per un gran numero di persone, ma stare al passo con gli ultimi sviluppi della Rete è molto impegnativo. Le Helpline mettono a disposizione una varietà di modi per entrare in contatto con i ragazzi, tra cui telefono, email, instant messaging e apps. Uno dei veri punti di forza di questa rete di assistenza sono i dati raccolti, che possono aiutare a individuare le tendenze emergenti e fornire qualche informazione sulle sfide che i bambini e i giovani affrontano on-line. In Italia il punto di riferimento è Telefono Azzurro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *